Presentiamoci! – Roberto Viganò

RoSono nato a Busto Arsizio il 21 agosto del 1978. Solbiate è il mio paese, qui ho dato tanto e ho voglia di dare ancora tanto.
Sono determinato, sicuramente testardo e spudoratamente sincero: guardo negli occhi e dico sempre ciò che penso. Per molti questi sono difetti, per me sono pregi. Per non annoiarmi ho cercato una compagna che mi tenesse testa, e l’ho trovata in Cristina.
Adoro la montagna. Quella per pochi. Quella fatta di fatica e sacrifici. Quella sincera e severa. Quella montagna che si manifesta nella bellezza dei suoi paesaggi regalando silenzi assordanti. Vivendo queste esperienze ho imparato a conoscere anche gli animali che la popolano, sempre e in qualunque condizione. Li ho seguiti, li ho osservati, li ho studiati, ed ho imparato l’essenza della vita: il gruppo è alla base della sopravvivenza della specie. Il singolo conta poco. Di queste passioni ho estrapolato le essenze e ne ho fatto tesoro, fino a farle diventare il mio lavoro.

Fin da giovane mi sono messo a disposizione per il paese. Nel 1999 entro nel nascente gruppo di Protezione Civile. Collaboro alla sua crescita e nel 2004 ne divento il Coordinatore, dopo essere stato vice per i due anni precedenti. Insieme ai volontari scrivo lo statuto del gruppo, precursore della Legge Regionale 16 del 2004, e aderiamo all’albo nazionale della Protezione Civile. Nel 2006 lascio la ProCiv per motivi di lavoro, non potendo più dedicarle il tempo che avrei voluto. Tuttavia il mio rapporto con i volontari non si è mai concluso, ho continuato a collaborare a corsi di formazione e a fornire suggerimenti nelle attività più impegnative.
KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERANel gennaio 2010, per ripristinare un gruppo che si stava disgregando, vengo richiamato a coprire nuovamente il ruolo di Coordinatore direttamente dal Sindaco Melis.
Durante il mio secondo mandato il gruppo cresce sia in numero di volontari che in qualità: diventiamo il gruppo più giovane (per età media) della Provincia di Varese e coadiuviamo iniziative provinciali (corsi, esercitazioni, collaborazioni di docenza) e nazionali (sopra tutte l’esperienza di Finale Emilia, oltre ad altre esercitazioni nazionali).
Quando il Sindaco comincia a gestire i volontari come se fossero uno strumento ad uso esclusivamente personale, decido di difendere i “miei ragazzi”, con il sostegno del gruppo e senza alcun timore di quanto potesse accadere. Vengo sollevato dall’incarico in poco meno di due giorni e a ottobre il gruppo viene ufficialmente sciolto (ma di questo e di tutto ciò che ne è derivato credo che sia a conoscenza l’intero paese; anche il “libro bianco” ne riporta notizia, a suo modo, dimenticandosi però passaggi importanti tra cui la lettera che il Prefetto ha scritto a Melis).

Carnevale 2013Nel 2005, con lo stesso spirito di volontariato do’ vita a quel gruppo di “matti”, come è già stato definito, de “gli Amici del..”.
Tutto nasce dalla volontà di ridare vita al Carnevale, sensibilizzando l’opinione pubblica per riuscire a recuperare una delle feste più amate dai bambini.
Allo stesso modo riusciamo a portare nuovamente alla ribalta la tradizione della Gioebia e l’usanza solbiatese dei Babbi Natale nati con don Gianni e purtroppo persi con don Emilio.
Abbiamo messo la faccia e soprattutto il cuore in tutte queste iniziative, andando spesso contro chi riteneva certe feste o tradizioni fuori luogo, insostenibili economicamente e di ardua realizzazione. Abbiamo semplicemente scelto di mettere al primo posto il divertimento dei bambini, e il loro sorriso è sempre stata la nostra riconoscenza. Grandi feste a bassissimo costo, caratterizzate sempre da grande partecipazione. Mai come durante la Gioebia ed il Carnevale Solbiate è così viva!

La mia esperienza politica comincia nel 2004, quando entro come consigliere nella lista “Per Solbiate”. Mio zio Gianmario aveva scommesso che non avrei resistito con “i Bianchi” più di sei mesi!! Non mi sono lasciato scappare l’opportunità di fare esperienza amministrativa. Collaboro alle attività del gruppo dimostrando sempre chiaramente le mie idee. Condivido scelte che ritengo corrette, e condivido per il bene del gruppo anche situazioni che potevano, a mio avviso, essere gestite meglio. Il mio rapporto cessa nel momento in cui l’allora giunta prende il sopravvento sulle scelte del consiglio, informandolo solo di quanto già deciso. Rassegno le dimissioni in Consiglio comunale prima della votazione del PII inerente l’ex-Rovelli. È stata una grande esperienza, valida non solo per la vita amministrativa.
Nel 2009 l’amministrazione attuale mi nomina Presidente della Commissione Ecologia. Tra i membri si instaura un’ottima collaborazione volta a valutare attentamente in sede di riunioni l’ordine del giorno, come è stato soprattutto riguardo al caso Ely (Vd Verbale 1 e 2). La commissione prosegue i suoi lavori fino a gennaio del 2014, aprendo anche le porte al pubblico, e chiede ripetutamente a Melis di fornire maggiori informazioni riguardo i punti oggetto di discussione, tra cui la questione Fiume Olona ed Ely. Le risposte non arrivano e non arriveranno mai, nonostante i diversi solleciti protocollati a partire da settembre 2013. Per questo motivo tutti i membri della commissione decidono di rassegnare le proprie dimissioni. Da notare che nel “Libro bianco” non si parla di commissione ecologia, nonostante tutti gli atti prodotti. Chissà come mai…

Credo che Solbiate debba essere guidato da un gruppo fortemente motivato a fare bene per tutti i cittadini, consapevole della realtà del paese in ogni sua particolarità, spinto da una voglia di rinnovamento che non dimentica le tradizioni, capace di dedicarsi alle piccole cose che fanno grande una comunità.

Credo che sia «… meglio realizzare una buona idea che trovarne una migliore». Paul Valéry

Clicca qui per leggere i profili di tutti gli altri candidati.

Annunci

Presentiamoci! – Emanuele Albizzi

albizziSono nato a Busto Arsizio il 20 aprile 1975, e sono da sempre residente a Solbiate Olona, da qualche anno felicemente sposato.
Dopo gli studi liceali, mi sono laureato in ingegneria presso il politecnico di Milano, indirizzo ambiente e territorio.
Ricopro attualmente il ruolo di project manager, consulente e tecnico ambientale presso una società di ingegneria in Milano, parte di una holding multinazionale leader nel campo della consulenza ambientale e della progettazione in ingegneria ambientale, civile e idraulica.
Fin da ragazzo posso dire di aver mostrato attenzione alle realtà locali e attiva partecipazione, così da essere costantemente operativo in vari ambiti, da quello oratoriano-parrocchiale, a quello sportivo, con trascorsi soprattutto nella storica squadra locale dell’Unione Calcio Solbiatese, e nondimeno in ambito associazionistico, con la partecipazione attiva al Gruppo Alpini (attualmente ricopro il ruolo di consigliere) e con AIDO e AVIS (ho bellissimi ricordi di alcune fiaccolate impegnative, è vero, ma molto gratificanti). Inoltre, sono rimasto legato al comprensorio scolastico solbiatese anche dopo gli spensierati anni delle scuole dell’obbligo, per esempio contribuendo al progetto mentoring presso le nostre scuole elementari, progetto svolto totalmente in ambito di volontariato, indirizzato ad un doposcuola sia a scopi formativi sia puramente ricreazionali per i nostri bambini.
IMG_2432L’attitudine al dialogo, confronto e ascolto e le capacità di relazionarsi con il prossimo sono state ulteriormente affinate e migliorate anche dalle esperienze del servizio militare nei monti del Friuli e da numerose esperienze lavorative svolte in molte parti d’Italia ed anche all’estero.
Sono magneticamente attratto dalle bellezze naturalistiche, soprattutto delle montagne (in particolar modo delle stupende Dolomiti, che ogni volta mi incantano e mi sorprendono) ma negli ultimi anni ho avuto la fortuna di apprezzare anche l’immensità e la bellezza dei nostri mari italiani e sono del parere che alcuni aspetti che ritroviamo spesso quando visitiamo alcune belle località turistiche, e che ci danno piacevoli sensazioni di contatto con la natura, rispetto e pulizia dei luoghi, potrebbero essere ricreate e mantenute anche nella nostra Solbiate, valorizzandone gli aspetti che sono già presenti (ad es. le aree boschive e la valle) e che hanno grandi potenzialità socio-ecologiche, perché la ricchezza di un comune non si misura soltanto con gli strumenti finanziari, ma con il benessere e l’armonia dei suoi abitanti.

Clicca qui per leggere i profili degli altri candidati.

Presentiamoci! – Giulia Bruschi

giulia modSono nata a Tradate il 13 agosto 1995 e sono conosciuta da molti in paese come “la figlia dell’Angela del CDS”. Ma non è solo questo il modo con cui vengo identificata a Solbiate.
Per i bambini sono l’animatrice che li fa giocare all’oratorio estivo, per gli amici sono la “Bru”, per alcuni adulti sono la figlia del Bruschi (o “quello delle lotte a Pedemontana”), per altri sono la ragazza dei caffè al parco feste, mentre per altri ancora sono semplicemente un’adolescente che vive nel loro stesso paese e probabilmente per diversi solo un nome sentito per la prima volta.
Ho un carattere forte, forse fin troppo. Non mi faccio mettere i piedi in testa da nessuno e, quando so di aver ragione, porto avanti le mie idee senza permettere che qualcuno o qualcosa mi blocchi. A volte dovrei tenere la lingua fra i denti ma non sono capace di rimanere in silenzio quando qualcosa non mi quadra.
Adoro leggere e praticare diversi sport. Non mi piace dormire, lo trovo inutile e controproducente e inoltre porta via tempo prezioso (essendo in quinta superiore già ne ho poco) per svolgere altre attività o anche solo per godermi un film sul divano.

Giulia_oratorioOdio la pioggia, i cafoni e i prepotenti, le persone che criticano dall’esterno senza aver fatto nulla e le doppie facce. Ma soprattutto la cosa che più odio è la scarsa fiducia e la poca considerazione che alcune persone hanno dei giovani. La prima volta, che ho detto che mi sarei candidata come consigliera comunale mi è stato risposto: “A diciotto anni?! Ma cosa vuoi fare a diciotto anni?!”.

Fra circa due mesi mi diplomerò come Ragioniera con competenze linguistiche presso l’ITE Enrico Tosi di Busto Arsizio, grazie al quale ho potuto partecipare a diverse esperienze come scambi con l’estero, conferenze e alternanze scuola-lavoro (Presso l’hotel Le Robinie di Solbiate Olona e la Mercedes-Benz di Bolzano).
Dopo essermi diplomata, vorrei iniziare il percorso universitario che mi porterà a laurearmi in Medicina e Chirurgia.

PicMonkey CollageNell’estate del 2012 per merito scolastico, dopo aver partecipato ad un concorso, sono stata selezionata ed ho avuto l’occasione di prendere parte ad un Campogiovani dei Vigili del Fuoco a Montalcino.

 

giulia carnevale 2012Essendo mio papà uno dei fondatori di “quel gruppo di matti” degli “Amici del”, da sempre ho partecipato attivamente ai loro eventi .

Ho preso la decisione di candidarmi come Consigliera comunale perché ho sempre voluto dare il massimo per i ragazzi e, fin dalla mia prima esperienza come animatrice in Oratorio: ora mi si è presentata l’occasione, voglio poter fare ancora di più, soprattutto perché vivendo Solbiate da adolescente mi sono resa conto che c’è bisogno di una svolta in ambito di politiche giovanili.
Credo, e così anche la mia lista, che la voce di un giovane in Consiglio Comunale debba essere presente, forte e chiara, dato che diverse età corrispondono a visioni ed esigenze differenti. Soprattutto nel nostro paese, in cui i giovani non hanno molta voce, si deve iniziare a dare fiducia a coloro che saranno il futuro.
Fin da piccola mi è stato detto che un giorno avrei dovuto prendere in mano la mia vita e iniziare ad impegnarmi per realizzarmi: questo penso sia il modo migliore per cominciare.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qui tutti i profili degli altri candidati.

Presentiamoci! – Paolo Galli

Paolo GalliSono nato a Gallarate il 22 luglio 1984 e dopo una breve degenza in ospedale mi sono subito trasferito a Solbiate Olona, dove ho trascorso gli anni spensierati a divertirmi e giocare per il paese e per il nostro parco giochi naturale: la Valle. Finite le scuole medie, forse per una questione genetica, ho frequentato l’Istituto Tecnico per Geometri di Tradate diplomandomi nel 2003.

Ho avuto la fortuna di iniziare subito a misurarmi con il mondo del lavoro, prima come tirocinante e poi con i “nuovi” contratti che tutti conosciamo all’insegna della flessibilità ma soprattutto della precarietà. Ho lavorato per dieci anni ininterrottamente facendo esperienza nell’ambito dell’edilizia a tutto campo ma purtroppo ora, da pochi mesi, mi sto confrontando con l’altra faccia del mondo del lavoro, ormai flagello per la nostra nazione, la disoccupazione.

DSC_8498Mi considero un Solbiatese D.O.C,  – nella foto immagine in versione Sguabass – orgoglioso del proprio territorio, attaccato alla  memoria che ci regala, alle tradizioni ed ai ricordi che la mia famiglia ha sempre tenuto vivo in me. Vorrei ritornare a vivere il nostro piccolo paese come una comunità allargata, dove una volta ci si conosceva tutti e l’aiuto reciproco era elemento fondante dell’essere un “Paese”. Sono convinto che i bisogni reali dell’uomo come cittadino siano rimasti immutati e spero che quel sano senso di appartenenza e di comunità esista ancora e necessiti solo di un aggiornamento: un Paese 2.0, dove a differenza dei decenni passati cambiano i numeri, le origini dei suoi componenti e, solo in parte, i bisogni di ognuno. Un’evoluzione avendo radici ben salde può creare una solida realtà.

foto 1Credo molto fermamente che bisogna prendersi cura della “cosa pubblica”, per migliorare la qualità della vita del singolo individuo e dell’ambiente, in cui ognuno si senta proprietario di quello che è di tutti, che possa ognuno dare il suo contributo per migliorare il patrimonio che ci viene lasciato dalle generazioni che ci precedono nell’interesse dell’intera comunità.

Ho deciso di candidarmi come consigliere per poter dare il mio contributo al nostro paese, incanalare il mio entusiasmo verso progetti concreti. La lista Una Buona Idea, nata da un gruppo di persone che condividono una realtà di intenti, offre una opportunità importante per il nostro paese. Un gruppo senza interessi, giovane ma con esperienza, che vuole solamente ridare una visione chiara e pulita di quella che è il difficile compito di amministrare.

Qui i profili degli altri candidati.

Presentiamoci! – Adriana Colombo

Colombo

Sono nata a Busto Arsizio il 3 febbraio 1957, sono coniugata, con un figlio.

Mi sono diplomata ragioniera presso l’ITC di Busto Arsizio e a 20 anni ho iniziato a lavorare. Attualmente presto la mia attività in qualità di impiegata nell’ufficio amministrazione del personale presso una società privata.

Ho vissuto a Solbiate Olona fino al matrimonio; dopo una decina di anni trascorsi a Legnano, dal 1992 sono ritornata al mio paese di origine. Risiedo nelle vicinanze dell’area sportiva e mi rattrista vedere il cumulo di macerie dove sorgevano due campi da tennis comunali, sui quali ha imparato a giocare anche mio figlio. Dispiace constatare che nella “ Città Europea della Sport” manchi una struttura sportiva che hanno molti paesi limitrofi che non si fregiano di tale riconoscimento.

Adriana montagnaMi piace fare escursioni in montagna, per i paesaggi che si possono ammirare e per la pace e la tranquillità che lì regna.

Mi diletto ad imparare a fare piccoli lavori manuali e penso che attivare laboratori didattici per bambini, ma anche per persone adulte, possa essere un modo per far rivivere il nostro paese, facendo incontrare i cittadini e creare uno spirito di aggregazione.

2 giugno 2011 - Milano (bis)Sono iscritta alla locale sezione ANPI, di cui sono membro del Direttivo e partecipo attivamente alle varie manifestazioni dell’Associazione.

Ho a cuore i valori di libertà e democrazia, ma anche di solidarietà e giustizia e per questo ho iniziato il mio impegno politico con la nascita del Partito Democratico, convinta che si può coniugare un’idea riformista con i valori del cattolicesimo impegnato e per questo ritengo indispensabile l’attenzione alle persone più deboli della nostra comunità.

Roma_Circo_MassimoCredo fermamente nella partecipazione dei cittadini alle scelte che interessano la comunità e pertanto ritengo che Solbiate meriti una Amministrazione che ispiri il suo operato all’ascolto, al dialogo ed alla condivisione, principi che non riscontro attualmente.

I valori sopra elencati sono tra quelli fondanti della nostra proposta amministrativa “Una Buona Idea”, alla quale ho aderito con convinzione  ed entusiasmo. Mi impegnerò pertanto a dare il mio apporto affinché questi principi, che sono alla base di una comunità attiva e solidale, siano rispettati.

Leggi qui i profili degli altri candidati.

Presentiamoci! – Roberto Esposito

Roberto Esposito elezioni solbiate olonaSono nato a Gallarate nel 1964 e mi sono impegnato nel sociale fin da giovanissimo: ho partecipato ai soccorsi dopo il terremoto in Irpinia, sono stato il primo obiettore di coscienza di Gallarate, sono stato volontario in Croce Rossa ed ora sono attivo nella Pro Loco e nella sezione locale dell’ANPI.

Ho sempre saputo anteporre l’interesse della collettività a quello delle parti e fare scelte che avessero come obiettivo il benessere del paese; so pormi come mediatore e contribuire alla ricerca della soluzione di compromesso più vantaggiosa tra le diverse esigenze rappresentate.

Ho doti di concretezza e realismo, senso dell’umorismo e pazienza; credo in valori “antichi” e solidi come la lealtà e l’amicizia che, uniti alla mia passione per la musica folkloristica e degli anni ’60, trovano espressione nella musica della Balcon Band di Albizzate, di cui sono membro attivo.

Presentiamoci! – Nazzareno Iorfida

01 Nazzareno Iorfida_okSono nato a Busto Arsizio il 6 giugno 1985. Per i più sono il figlio della maestra Pettenelli, che da più di trent’anni insegna alle scuole elementari di Solbiate. Sono uno studente di Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi dell’Insubria e, parallelamente, sto per conseguire il diploma in Kinesiologia presso l’Università Popolare Bioetica di Treviso.

 

cas16

Amo tutto lo sport ma il calcio è la mia passione. Lo pratico sia come atleta che come allenatore dell’attività di base al Club Amici dello Sport di Sacconago. Ho sempre frequentato il paese e l’oratorio e da anni organizzo il torneo di calcetto estivo a Solbiate con buoni risultati. Nella prossima amministrazione mi piacerebbe occuparmi di sport, affiancando le tante associazioni che svolgono la loro preziosa attività sul territorio.

Penso che Solbiate debba cambiare mentalità e questa lista si propone di farlo. Adoro Solbiate e so che può essere molto più bella di così. Anche se il paese è piccolo io ho sempre pensato in grande: aspettavo solo una buona idea.

Leggi gli altri profili cliccando qui. 

Presentiamoci! – Clara Franchetti

franchettiNon sono abituata a parlare di me e ho chiesto quindi ad un’amica qualche spunto per scrivere questo mio breve profilo. Mi ha risposto così: “Se dovessi descriverti con poche parole, sicuramente direi che sei genuina, sincera, positiva sempre e comunque, con una propensione naturale verso gli altri!”.

Non vale… Lei è troppo di parte! Sicuramente ho anche (tanti) difetti e mio marito e mio figlio ne sanno qualcosa.

Ho 47 anni compiuti il 30 marzo scorso, sono sposata e ho un figlio di 13 anni. Vivo a Solbiate da sempre. Svolgo la libera professione di Consulente del Lavoro dal 1996 (quindi da ben 18 anni e me ne rendo conto solo ora… ma quanto passa il tempo?). Figlia di un alpino che, come dicono gli amici di sempre, è solo andato avanti: credo di aver ereditato da lui il senso di solidarietà disinteressata, la voglia di fare e la discrezione che lo hanno sempre caratterizzato. Ricordo di aver vissuto con un po’ di sofferenza quei momenti liberi che mio padre dedicava ai progetti per la comunità (penso al restauro del Lazzaretto o del campanile della Chiesa, per esempio). Crescendo, però, ho compreso e ammirato la sua dedizione agli altri e al Paese che lo ha adottato da quando qui si è trasferito, da un piccolo paesino in provincia di Vicenza. Ho fatto tesoro di queste qualità e le ho considerate mie.

img002Ho un piccolo rimpianto che è quello di non aver avuto la possibilità di proseguire negli studi con un percorso universitario, magari scegliendo una facoltà in Psicologia dato che ho sempre avuto una predisposizione all’ascolto dell’altro. Così nel tempo libero, che cerco di ritagliarmi, mi piace dedicarmi alla lettura e allo studio e ho iniziato da poco più di un anno (ebbene sì… a 45 anni ho ripreso a studiare) un corso triennale di Naturopatia Energetica, la mia passione da tempo. Magari non sarò una studentessa modello, dovendo conciliare lavoro, studio e famiglia, e non riuscirò nei tempi stabiliti in questa sfida personale, ma sono felice di poter realizzare un mio piccolo grande sogno.  Anche la professione che attualmente svolgo mi consente di tenermi aggiornata in particolar modo sul mondo del lavoro e sulle problematiche che quotidianamente le aziende vivono.

In ambito lavorativo ho sempre cercato di muovermi un po’ al di fuori degli schemi tradizionali e, quando mi si sono presentate le opportunità, ho svolto, devo dire con grandi soddisfazioni, alcune  docenze in Tecniche di amministrazione del personale in collaborazione con Centri di Formazione Professionale della zona.

Sono abbastanza orgogliosa di ciò che ho ottenuto fino ad oggi nel mio lavoro e nella mia vita, grata solo alla mia famiglia che mi sopporta ogni giorno, perché tutti i risultati raggiunti (piccoli o grandi che siano) sono frutto di sacrifici personali. Magari non ho il portafoglio gonfio ma il cuore sì, ricco di soddisfazioni che ritrovo nei sorrisi delle persone che incontro ogni giorno.

100_0146Devo purtroppo ammettere, però, che Solbiate è molto cambiata nel corso degli anni; è cambiato il territorio e sono cambiate le persone. Ultimamente vedo infatti persone e paesaggi sempre più grigi e intristiti. Spiace constatare che, complice la crisi che viviamo, alla domanda “Come va?” quasi tutti rispondono “Si tira innanzi…”. Questa situazione mi ha fatto un po’ riflettere e, forse per colpa del DNA che mi ritrovo, mi ha fatto pensare di dover fare qualcosa, soprattutto pensando a quanto triste e grigio possa essere il futuro per i nostri figli. L’incontro con le persone di “Una buona idea” mi ha ridato un po’ di speranza: qualcosa si può fare per cambiare. Ho trovato positività, buoni propositi, belle idee, belle persone.  Ho deciso quindi che è ora di guardare oltre il mio “orticello” e voglio poter essere utile in un momento così difficile nella vita di tutti noi. Con l’auspicio che la risposta a quella domanda possa essere finalmente “meravigliosamente bene!!!”.

Leggi gli altri profili cliccando qui. 

Presentiamoci! – Ivan Vaghi

vaghi 1Sono nato a Milano e ci sono rimasto per una trentina d’anni, con un paio di pause dovute al servizio militare e al periodo in cui ho vissuto negli Stati Uniti. Appena tornato ho cominciato a uscire con una ragazza di Solbiate e praticamente non ho più smesso, tanto che ormai vivo qui dal 1998.

Sono biologo, specialista in microbiologia e virologia. Mi sono sempre occupato di ricerca scientifica, prima nel campo della microbiologia clinica e poi di quella ambientale. Adesso lavoro presso la sezione di neuroscienze dell’Università dell’Insubria (malattie genetiche e simili). Comunque ho un sacco di esperienze di vario tipo, dall’epidemiologia all’anatomia patologica.

Purtroppo sono oppresso da curiosità di ogni natura, che la mia dimensione lavorativa non riesce a soddisfare. Per cercare di togliermene un po’ mi sono iscritto di nuovo all’università e ho conseguito la laurea in scienze della comunicazione.

vaghi 2Nel frattempo ho ricercato e alimentato anche una dimensione pubblica, impegnandomi in alcune attività che ritengo importanti o che semplicemente mi divertono. Appena arrivato a Solbiate ho cominciato a seguire la squadretta di pallavolo femminile dell’oratorio, ma si trattava di una dimensione troppo angusta e senza prospettive, così ho pensato di traghettarla verso altri lidi. Adesso siamo una società polisportiva, la Panta Rei, che può contare su oltre 100 atleti tesserati tra pallavolo, ginnastica e podismo. Non è tutto merito mio, ci mancherebbe, però sono l’unico in società che è sempre stato presente fin dal primo giorno (ricopro la carica di vice-presidente).

Sono anche uno dei primi militanti del circolo del Partito Democratico di Solbiate Olona, di cui faccio ancora parte. Credo che la politica sia una cosa importante e soprattutto sia una cosa seria, e che la partecipazione alla politica sia l’unica possibilità che hanno i cittadini per far sentire veramente la propria voce. Come politico “locale” sono stato anche candidato sindaco alle ultime elezioni amministrative qui a Solbiate. Non è andata benissimo ma eravamo “giovani” e non ci conosceva nessuno. Questa volta sarà diverso.

Faccio parte della sezione ANPI di Solbiate Olona, l’associazione che si occupa di trasmettere i valori di libertà, democrazia e partecipazione su cui si basa la nostra Repubblica e la nostra Costituzione. Si corre sempre più il rischio che siano percepiti come qualcosa di gratuito e di dovuto, purtroppo non è così e c’è bisogno di qualcuno che continui a ricordarlo.

Come detto ho molte curiosità, tra cui la storia locale. Negli scorsi anni mi sono dedicato insieme ad altri amici a ricostruire alcune stagioni e alcuni percorsi del passato solbiatese, che hanno consentito la pubblicazione di due volumi: Dalla vergogna all’avvenire, che racconta il periodo della guerra e della Resistenza a Solbiate, e La storia e le memorie del Cotonificio di Solbiate, che racconta l’epopea della più importante azienda solbiatese.

Sono un lettore furibondo e uno scrittore compulsivo, di talento purtroppo inferiore a quanto sperassi. Però qualche concorso letterario l’ho vinto, vuol dire che poi non sono così scarso. Posso anche vantare un romanzo pubblicato (Due destini in undici metri) e diversi altri in attesa di una qualche sorte.

VaghiAlle prossime elezioni mi candido a un posto nel consiglio comunale. Come detto credo che la partecipazione politica debba essere sentita da tutti come un’esigenza. La sfida che tutti dobbiamo affrontare è quella di capire quale potrebbe essere la nostra dimensione di partecipazione, qual è il contributo che ognuno di noi può dare. Mettere in comunione le esperienze, le capacità, le idee e le diverse visioni del mondo è il passaggio essenziale per crescere come persone e come comunità. Ho scelto Una buona idea perché è l’unico posto che mi poteva dare questa possibilità, perché qui non c’è l’esaltazione del pensiero unico, perché qui non vieni giudicato in base all’appartenenza (politica o familiare) e perché qui c’è piena consapevolezza dell’importanza del concetto di critica: critico è tutto ciò che mette in discussione, che non dà niente per scontato, che ti sfida a cercare le soluzioni migliori, che non è autoreferenziale. A Solbiate c’è bisogno di Una buona idea, c’è bisogno di una mutamento culturale che permetta di includere e non di escludere, che permetta di accettare sistemi di valori diversi da quelli finora considerati come gli unici accettabili, che valorizzi il concetto di diversità facendolo diventare un vantaggio e non un ostacolo, perché si può crescere solo se si accetta di non avere sempre e comunque ragione.

In caso di elezione mi occuperò di politiche sociali, perché è la sfida più grande che dovremo affrontare: di fronte a una società che invecchia e che si impoverisce la risposta delle amministrazioni, a qualsiasi livello, deve essere pronta ed efficace. Gli ostacoli economici dovranno essere risolti facendo “squadra”, sia a livello comunale che sovra comunale, coinvolgendo tutti gli attori in campo sociale (istituzioni, associazioni, semplici cittadini) per poter ottimizzare gli interventi e poter sviluppare progetti sociali e scolastici che possano suscitare l’interesse di chi è in grado di erogare fondi (sia pubblici che privati). Nel programma di Una buona idea questi punti sono ampiamente approfonditi.

Vi chiedo pertanto di fare la scelta giusta e dare una vera possibilità a Solbiate votando Una buona idea. Se poi volete anche votare per me io sono abbastanza d’accordo.

Leggi gli altri profili cliccando qui. 

Presentiamoci! – Giorgio Ciapponi

GIOSono nato a Tradate nel mese di luglio del 1966, sono sposato con Roberta e ho due figli stupendi: Nicolas, di 15 anni, e Leonardo, di 10 anni. Sono sportivi, come lo è il resto della famiglia.

Ho conseguito il Diploma di operatore macchine utensili e disegnatore meccanico, lavoro da più di 30 anni nel settore meccanico-tornitore, come operaio specializzato. Risiedo a Solbiate Olona da più di 18 anni.

giorgio fiaccolataDa oltre 25 anni posseggo la tessera di tecnico istruttore d’atletica leggera, attività che svolgo dalla fine degli anni ottanta, anche praticandola in prima persona: sono molto orgoglioso di quanto ho fatto in questo ambito. A Solbiate sono stato impegnato per due stagioni, dal 2007 al 2009, con la A.S.D. Virtus Solbiate, associazione iscritta al CSI Varese. Qui ho avuto modo di conoscere ragazzi svolgendo il ruolo di educatore e preparatore atletico della squadra di calcio a 7. Nelle due stagioni successive, dal 2009 al 2011, ho curato il settore giovanile della Basket Schoool e sono stato preparatore atletico della prima squadra. Al momento cerco di conciliare gli impegni sportivi dei miei figli (nel Basket e nel Rugby) facendo il preparatore atletico di una squadra di calcio: guai se manca lo sport in casa nostra!

giorgio al lavoroSono iscritto all’AVIS di Solbiate da più di 15 anni, con la quale ho partecipato a una decina di fiaccolate. Ho partecipato a diverse manifestazioni del Palio della Valle Olona, ricoprendo anche il ruolo di capitano della squadra di Solbiate. In questi anni ho anche fatto parte del gruppo gli amici del… con il quale abbiamo fatto i carri di carnevale, la gioebia, gli addobbi natalizi: tutti lavori che ci hanno permesso di costruire un bel gruppo. Riesco a dialogare con tutti, facendo del rispetto reciproco un mio valore.

Carnevale 2013Amo la vita, la natura, l’ambiente che ci circonda in tutte le sue sfumature, colori, profumi. Adoro tutte e quattro le stagioni per le loro bellezze. Di Solbiate Olona mi piace il verde che la circonda, e disprezzo quelle persone che non lo rispettano.

E per finire, un sogno nel cassetto: costruire una squadra di atletica a Solbiate, per formare gli uomini e donne per il futuro attraverso il mondo dello sport sano.

Leggi gli altri profili cliccando qui.