E a Solbiate?

Cari Solbiatesi, vogliamo portare a conoscenza delle famiglie in cui sono presenti disabili o anziani non autosufficienti la riapertura di un bando, promosso dall’azienda speciale consortile Medio Olona Servizi alla Persona (di cui fa parte anche il Comune di Solbiate Olona), per l’erogazione di buoni sociali e che ha per obiettivo principale quello di intervenire a sostegno di situazioni di disagio riconducibili a difficoltà economiche, sociali, psicologiche, sul piano della salute e dell’autonomia individuale. Più nello specifico, con la riapertura del bando, si intende avviare, nei confronti dei soggetti richiedenti un intervento di assistenza economica per sostenere e supportare la persona e la sua famiglia, garantendo una piena possibilità di permanenza della persona non autosufficiente al proprio domicilio e nel suo contesto di vita.

Ancora una volta constatiamo che l’erba del vicino è sempre più verde. Infatti sul sito del Comune di Solbiate questa notizia non compare nemmeno in due righe di presentazione o di avviso, segno che le priorità sono altre ovviamente in netto contrasto con i proclami della campagna elettorale.

Per chi interessato indichiamo il link dove trovare tutte le informazioni utili per presentare la domanda (la scadenza è il giorno 8.11 p.v.) che fa riferimento al sito del Comune di Olgiate Olona.

Annunci

Lascio il posto, non il gruppo!

DimissioniIeri, 14 ottobre 2014, ho formalmente rassegnato le dimissioni dall’incarico di Consigliere comunale e Capogruppo di Una Buona Idea, per lasciare posto ad un altro rappresentante del nostro gruppo.
In questo modo mi auguro sinceramente che il Sindaco riesca finalmente a vedere, seduto tra i banchi dell’opposizione, il 13% di solbiatesi che ha riposto la propria fiducia nella nostra lista civica, e non solo quell’ex-Assessore così scomodo.
Scomodo sia prima che ora, scomodo perché preparato, meticoloso, coerente, testardo e privo di interessi personali.
Quell’ex-Assessore ha sempre dato noia, con la sua dedizione e la sua voglia di fare bene nell’interesse di tutti, non solo nelle discipline strettamente legate alla delega rivestita.
Uno stacanovista rigoroso e disponibile, uno che spesso può far comodo, ma che può diventare d’intralcio a un’amministrazione che vuole fare la furbetta, e allora diventa fastidioso, problematico, da eliminare.
Chissà se l’ex-Consigliere di minoranza, ora Sindaco, riuscirà a vedere in aula consiliare quel 13% di votanti che ha chiaramente espresso consenso per Una Buona Idea.
Oppure riuscirà a vedere solamente il Segretario della sezione locale del PD che ha fatto comunella con l’ex-Assessore, la figlia di un carissimo amico dell’ex-Assessore, l’ex coordinatore della Protezione Civile comunale nonché compagno di vita dell’ex-Assessore, il potenziale genero dell’ex-Sindaco, e così via.
Chissà se, con l’ausilio indispensabile di un binocolo, il primo cittadino, frontman di quel partito tutto suo, sarà in grado di riconoscere fra i consiglieri alla sua sinistra il Capogruppo di Una Buona Idea, insieme eterogeneo di persone valide, preparate, appassionate.
O forse l’ha già individuato, e anche messo a fuoco nitidamente, e sferra l’attacco su argomenti riguardanti la vita personale perché non ha nient’altro a cui aggrapparsi.
Tranquillo Melis, lascio il posto in Consiglio comunale, ma non lascio il gruppo, anzi!
Lascio il posto perché Noi siamo una squadra che privilegia l’interesse generale, e se l’ex-Assessore innervosisce così tanto allora cambiamo schema, così, almeno in Consiglio comunale, forse la maggioranza sarà più serena, forse.
Lascio l’opportunità di distinguersi in sala consiliare e tenere alto l’onore di Una Buona Idea ad un altro giocatore, ma non lascio nient’altro, tanto meno l’attività di monitoraggio dell’operato discutibile di un’amministrazione che non sa rispondere a semplici quesiti e che si fregia di atti illegittimi, uno dietro l’altro.
La sottoscritta, Maria Cristina De Simone, ora ex-Capogruppo di Una Buona Idea, prima ex-Assessore, prima ancora Assessore dal quale il Sindaco correva spesso e volentieri per innumerevoli questioni, continuerà ad operare.
Del resto «è tutto agli atti…ogni cittadino è libero di richiedere i documenti e visionarli…».
Bene, vedremo se sarà concesso anche al famigerato Ex consultare gli atti tanto decantati nella consueta cantilena e che nemmeno da Assessore ha potuto condividere.

Maria Cristina De Simone