Consiglio comunale 5 giugno

Primo consiglio comunale della nuova amministrazione Melis. Ad essere sinceri ad alcuni sembrava di essere al secondo atto dello spettacolo del cabarettista che ha chiuso la campagna elettorale della Voce Solbiatese. Il pubblico era quasi lo stesso, le uniche differenze è che stavolta il pubblico rideva compatto, mentre i membri dell’amministrazione avevano le facce molto più tirate.
Il consiglio è iniziato leggermente in ritardo perché si attendeva l’arrivo del consigliere Gadda che, a detta del Segretario era in ritardo in autostrada, mentre invece, come sapevano tutti, stava giocando a calcio in un torneo. Il suo arrivo trafelato e accaldato ha dimostrato la prima balla consiliare…

Il Sindaco dopo aver letto il giuramento (che poteva anche imparare a memoria e recitarlo con più pathos visto e considerato le poche righe) ha proceduto con le formalità del primo consiglio.
Al dimissionario Antonello Colombo, candidato sindaco della lista Buongiorno Solbiate, è subentrato Lorenzo Brogin.
Il Sindaco procede alla nomina degli assessori riconfermando Pierangelo Macchi come vice-sindaco, Samantha Caprioli e Andrea Aspesani (assessore esterno), incaricando la Dott.ssa Maria Luisa Martina che rappresenta una new entry nella giunta comunale (altro assessore esterno). Al momento non vengono definite le deleghe ed i ruoli dei vari assessori. Un vero peccato che un’amministrazione già rodata non riesca a trovare degli equilibri interni. Ovviamente ciò rallenta anche le funzioni primarie della macchina amministrativa.

Si è proceduto quindi con l’elezione dei membri della commissione elettorale, in cui vengono eletti 3 membri effettivi (2 della maggioranza e uno della minoranza) e 3 membri supplenti (sempre 2 della maggioranza e uno della minoranza). Votano i consiglieri, ad esclusione del Sindaco.
Prima votazione: annullata! Un consigliere di maggioranza ha imbucato due schede anziché una. Nulla di grave, per carità, ma gravissimo il comportamento del segretario comunale, che dovrebbe essere garante della legalità, e che invece, prima non si accorge che il numero tra schede e votanti non torna, ed in seconda battuta, decide in maniera autonoma di eliminare una scheda bianca, perché secondo lui era quella la scheda in più e quindi andava annullata. Complimenti!! Peccato solo che il consigliere De Simone della nostra lista abbia fatto subito presente l’illecito dichiarando il suo voto, che era appunto la scheda bianca. Se i conti in questa amministrazione si fanno tornare così, con il benestare del segretario, siamo proprio messi bene…
Seconda votazione: eletti Corti e Tresin per la maggioranza e Lazzaretti per la minoranza.
Terza votazione: ANNULLATA!!! E ancora per colpa della maggioranza! Lo pseudo-capogruppo della Voce Solbiatese, Matteo Corti (pseudo perché non è stato investito ufficialmente di questo incarico, ma il posto a sedere, l’atteggiamento ed il ruolo svolto lasciano pochi dubbi sul suo incarico), ha suggerito a tutti i consiglieri chi votare. I consiglieri sicuramente hanno fatto quanto suggerito e hanno rivotato Tresin, che essendo già membro effettivo, non poteva essere eletta anche membro supplente. Altra gaffe!
Quarta votazione: eletti Cera e Di Dio per la maggioranza e Tisano per la minoranza.
Si arriva alla votazione dei giudici popolari, e anche stavolta l’amministrazione fa la sua gaffe: con 8 consiglieri contro i 4 della minoranza, avrebbe potuto tranquillamente prendere entrambi i membri, e invece 5 voti vanno a Corti, mentre Caprioli Samantha si trova a pari merito con Brogin della lista Buongiorno Solbiate a 3 voti. Viene eletto il più anziano e quindi Brogin.

Il consiglio si chiude con le nomine dei capogruppi. Brogin viene nominato capogruppo per Buongiorno Solbiate e De Simone per Una Buona Idea. La lista Buongiorno Solbiate procede alla lettura della dichiarazione in cui ringraziando Antonello Colombo per il lavoro svolto nell’ambito della scorsa amministrazione e nella crescita del gruppo, criticando gli attacchi personali rivolti alla sua persona da parte del Sindaco, e auspicando una miglior collaborazione con l’amministrazione attuale. Ribadiscono inoltre che non tollereranno attacchi personali di qualunque genere.
De Simone dichiara che l’opposizione di Una Buona Idea sarà costruttiva e critica, auspica che alcuni punti del programma vengano sviluppati nell’ambito di questa amministrazione. In ogni caso si provvederà attraverso la creazione di un’associazione culturale a portare avanti le buone idee e gli aspetti principali del programma elettorale.
La lista Voce Solbiatese non nomina alcun capogruppo in sede di consiglio, ma abbiamo già detto chi potrebbe essere il papabile.
Prossimo consiglio comunale entro fine giugno… chissà…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...