Presentiamoci! – Stefano Catone

Image-1Le persone con le quali in questi anni ho avuto a che fare, per studio, per lavoro e per divertimento, lo sanno: parlo di Solbiate Olona, forse troppo. E mi prendono in giro.

Ho ventotto anni e a Solbiate sono cresciuto: è casa mia. Qui sono andato a scuola, ho giocato a pallone, ho frequentato l’Oratorio, ho passato pomeriggi e serate con i miei amici. Sono cresciuto ancora un po’, ho lavorato per anni in pizzeria nei fine settimana e mi sono laureato con lode in Relazioni Internazionali, con una tesi sul mercato internazionale delle materie prime.

In seguito, ho collaborato con la cattedra di Economia e Tecnica degli Scambi Internazionali dell’Università degli Studi di Milano. Ho lavorato per il Parlamento Europeo, svolgendo compiti di ufficio stampa, e Radio24 – Il Sole 24 Ore, nella redazione del programma “La Zanzara” di Giuseppe Cruciani e David Parenzo. Ho collaborato con la Confederazione Nazionale dell’Artigianato. Nel 2009 ho conosciuto tramite internet Giuseppe Civati. Da allora abbiamo collaborato a numerosi progetti ed iniziative, collaborazione che col tempo è diventato un vero e proprio impiego.

486562_4301364460755_378946759_nGioco ancora a pallone, in una società che è prima di tutto un gruppo di amici, e della quale sono anche dirigente. Gioco sempre sul campo dell’Oratorio di Solbiate, che nel frattempo ha cambiato forma. Da grande farò il calciatore e poi il commissario tecnico della nazionale, con la quale vincerò un Mondiale.

 

936219_130016660538012_1448866444_nMi piace scrivere, mi piace leggere, mi piacciono le nuove tecnologie e mi piacciono le biciclette, tanto che insieme a tre amici, solbiatesi anche loro, ho incominciato a recuperare bici attempate o abbandonate e a rimetterle a nuovo (c’è chi dice che la mia bici assomigli a quella di Renzi. Nel caso, sappiate che l’abbiamo fatta prima noi). Mi piace camminare in montagna. Mi piace quando queste cose si riesce a metterle assieme.

Non mi piace chi dice che non ci sono alternative e chi vuole imporre le proprie idee senza discutere.

Image-1Insieme ad alcuni amici ho fondato nel 2008 il Circolo del Partito Democratico di Solbiate Olona, del quale sono segretario. Sono iscritto all’ANPI e, insieme a Matteo Contin, ho aiutato Ivan Vaghi nella produzione del volume «Tra la vergogna e l’avvenire – La guerra di Liberazione a Solbiate Olona».

Da sempre dedico particolare attenzione alle tematiche ambientali, dal consumo di suolo all’inquinamento del nostro fiume. Ritengo che siano problemi che sia le comunità locali (come la nostra) che l’intera umanità non possono più scansare. Ho il timore, invece, che non stiamo preparando gli strumenti adeguati. Sembra quasi un dovere citare le tematiche ambientali, come se ci fossero i soliti ambientalisti da accontentare. La sfida, al contrario, è capire che è in gioco la qualità della vita di tutti noi, che l’ambiente è un bene che appartiene a tutti, ed è anche una risorsa economica, non per come qualcuno l’ha intesa finora (per operare speculazioni) ma, al contrario, ricordandoci di dati come questo: “l’impermeabilizzazione dei suoli – spiega il professore Pileri del Politecnico di Milano – modifica la capacità del territorio di rispondere agli agenti atmosferici: il ‘valore’ del drenaggio delle acque realizzato da un ettaro di suolo agricolo o naturale equivale a un costo di 6.500 euro all’anno”.

Mi candido al consiglio comunale di Solbiate Olona e a ricoprire il ruolo di vicesindaco nella lista “Una buona idea”, a supporto della candidata a sindaco Cristina de Simone. La Solbiate che vorrei è verde e pulita, a misura di ciclisti e pedoni.

Leggi gli altri profili cliccando qui. 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...